Bricolage del Cuore 2018… Un battito continuo!

Di Denise Morante, Amministrazione Leroy Merlin Italia


Come spesso accade, tutto inizia per caso! Rosella Ghiosso stava navigando su Internet per cercare una struttura nella quale poter fare del volontariato, approfittando della sua esperienza di insegnante in materie linguistiche nelle scuole superiori, desiderava mettere a disposizione un po’ del suo tempo libero per chi ne aveva bisogno. Il risultato della ricerca le propone la Cooperativa Martinengo, una struttura che si trova proprio nel quartiere in cui vive, gestita da Suore di Ordinamento cattolico che accoglie bambini/ragazzi che vivono situazioni famigliari disagiate e che hanno difficoltà proprio nell’ambito scolastico. Quando Rosella incontra Suor Cristina, la Madre Superiore, è simpatia a prima vista: sono entrambe torinesi, scoprono di aver studiato nella stessa università più o meno nello stesso periodo e, soprattutto, sono Clienti di Leroy Merlin dove acquistano tutto ciò che occorre per insegnare ai ragazzi qualche lavoretto da fare nel tempo libero dallo studio.

Nasce così una collaborazione proattiva che ci ha portati tutti a scoprire che cos’è la “Casa di Sam” (nome ispirato al film “Il Signore degli Anelli”): una struttura in cui i ragazzi si ritrovano a studiare, a fare i compiti assistiti da volontari, a consumare i pasti e qualche volta a svagarsi con i giochi. La struttura è spaziosa ed accogliente ma i colori sono un po’ sbiaditi: anno bisogno di un nuovo look… Così eccoci entrare in azione con un bellissimo progetto BRICOLAGE DEL CUORE!

Ogni mattina veniamo accolti in cucina da Suor Silvia, che ci offre la colazione e ci racconta come funziona la Casa di Sam. Incoraggiati dall’entusiasmo e dalla sua forza d’animo, indossiamo gli abiti da lavoro, inforchiamo le “armi” e iniziamo a dar vita alle quattro pareti dello stanzone adibito allo studio. Abbiamo usato quattro colori diversi che col riflesso del sole cambiano tonalità dando nuova luce alla stanza della tortura (gli odiati compiti !)…

Arriva l’ora di pranzo ed è piacevolissimo scambiare quattro chiacchiere fra colleghi ma anche sentire le tante storie di successi e soddisfazioni che le suore ci raccontano con entusiasmo e che ci invogliano a riprendere il lavoro del pomeriggio ancora con più carico e con il desiderio di rendere il tutto ancor più bello! Vogliamo che anche il nostro intervento sia un successo e che resti un bel segno di Leroy Merlin di cui far parlare nel tempo! Prendiamo d’assalto l’ingresso ingrigito dal tempo e dal passaggio dei ragazzi, isoliamo pavimento, prese elettriche e porta d’ingresso e rendiamo tutto di nuovo bianco, così da sembrare ancora più accogliente l’entrata. E’ stata sistemata anche una parete, che precedentemente aveva ceduto in alcuni punti e rendeva l’habitat un po’ in disordine.

La “Casa di Sam” ogni giorno attende i ragazzi una volta terminato il loro dovere scolastico, quando sono affamati – stanchi e svogliati. Le Suore all’interno ed i volontari del quartiere ci mettono davvero il CUORE nel prendersi cura dei loro progressi e nel far sentire i ragazzi come una famiglia. Con affetto e costanza li aiutano nei compiti, nelle scelte scolastiche, nello sport, combattendo con i pregiudizi, con la burocrazia e con l’ingiustizia .

Il nostro intento è stato di rendere evidente la differenza dei colori (opportunità) della Casa e i colori (…) della strada!

Un po’ stanchi ma enormemente soddisfatti rientriamo a casa e raccontiamo ai nostri cari la fortuna che abbiamo avuto… quanto la beneficenza ripaghi, annullando anche la stanchezza… a parte l’acido lattico che dallo sforzo inusuale entra in azione e non ci dà tregua per qualche giorno!

“Solidarietà… è l’unico investimento che non fallisce mai!”

Bricolage del Cuore a Baranzate

E anche quest’anno si è concluso con tanto successo uno dei progetti del nostro Bricolage del Cuore

Ci troviamo sul territorio di Baranzate, un piccolo paese alle porte di Milano con la particolarità di essere il Paese più multietnico di Italia.

Il contesto in cui si trovano gli abitanti di Baranzate, come si può immaginare, è molto difficile e condizionato ogni giorno dalle problematiche legate alla convivenza di parecchie etnie in condizioni non sempre dignitose.

Il problema più grande è proprio l’integrazione.

La società sportiva del paese, L’associazione BARANZATESE CALCIO, in maniera autonoma e spontanea, aiuta i bambini del paese, ad integrarsi con il resto della comunità, semplicemente permettendogli di frequentare la struttura e di allenarsi e far parte di una squadra, gratuitamente o quasi, Vengono seguiti dagli istruttori e dove se ne presenta la necessità, anche da assistenti sociali.

In questo modo gli viene insegnato il significato di solidarietà e sostegno, stringendo rapporti con tutti gli altri bambini e genitori.

E qui entriamo in gioco noi…

Ho voluto proporre questo progetto per dare una mano concreta a pulire e imbiancare gli ambienti utilizzati dai bambini ovvero gli spogliatoi. Considerando che l’Associazione non riceve alcun sostegno economico, ho pensato che Leroy Merlin avrebbe potuto aiutare questi bambini dando loro una “seconda casa” più bella!

Il Bricolage si è svolto nel mese di luglio su 5 giorni lavorativi e l’esperienza è stata bellissima!

Abbiamo pulito e imbiancato 4 spogliatoi compresi i bagni e i locali docce.

È stato bello lavorare e pensare allo stupore dei bambini nel vedere i loro nuovi spogliatoi.

Colgo l’occasione per ringraziare tutti i colleghi che hanno scelto di partecipare a questo progetto. Siamo stati una grande squadra e abbiamo lavorato tutti insieme per regalare a questi bambini un sorriso. Tutto questo è stata la dimostrazione di quanto si può fare per far star meglio chi è meno fortunato di noi!

 

Leroy Merlin Curno torna a casa di Giuseppe

Di Arianna Todeschini, Leroy Merlin Curno


Ci eravamo lasciati, il mese scorso, con l‘intervento di pulizia fatto a casa del Signor Giuseppe e dei suoi amati animali.

Avevamo promesso a Lui e a noi stessi che saremmo tornati, senza lasciar passare troppo tempo, a trovarlo e a sistemare qualche altro piccolo pezzetto della sua casa: eccoci qua…

Martedì 19 giugno la nostra squadra “Bricolage del Cuore” ha caricato in auto tutti gli attrezzi del mestiere e, con l’unico pensiero in testa di dare una mano ad un signore di una tenerezza infinita, è partita alla volta delle case popolari di Curno.

Nei nostri propositi, sistemare l’ingresso dell’appartamento di Giuseppe, per permettergli di vivere in sicurezza e serenità la sua casa.

Aggiustati chiavistello e serratura della porta, Mirko si è dedicato ai coprifili. Come ultimo step, abbiamo rinnovato lo zerbino di ingresso.

Giuseppe? Eccolo…

IMG-20180619-WA0014

E’ vero, non abbiamo fatto chissà che, non abbiamo abbattuto muri, non abbiamo scardinato porte o rinnovato pavimenti, ma l’obbiettivo che ci eravamo fissati l’abbiamo raggiunto: aiutare Giuseppe e i suoi piccoli amici a godersi la propria casa in tranquillità ancora e ancora…

E noi, beh, noi siamo quelli fortunati perché abbiamo la possibilità, il lusso,  grazie al  nostro lavoro, di essere partecipi di un progetto che rallegra gli animi delle persone che ci circondano e regala un poco di speranza.

Il Balzo, la nostra esperienza di Bricolage del Cuore

Di Camilla Emanuela Pedrazzini Testona e Simona Orilia, Leroy Merlin Italia


Come descrivere il Bricolage del Cuore a chi non è di Leroy Merlin?
Come sintetizzare le emozioni della nostra giornata dedicata al volontariato?
La mezza giornata al Balzo la racconterei così: una bella mattina di giugno, finalmente con un sole convinto, insieme ad alcune care colleghe entriamo in una casa dove ci accolgono e ci raccontano la scelta di offrire una casa ad alcuni “ragazzi”. Valentina, la responsabile della Comunità,  sorride chiamandoli  “ragazzi” anche se hanno 40 anni… L’immagine che ci troviamo davanti è quella di persone che tornano a casa e trovano un ambiente accogliente, luminoso, un bel tavolo dove poter condividere pranzi e cene in allegria,  scambiandosi racconti ed esperienze, un balcone dove organizzare un barbecue o dove sedersi semplicemente per chiacchierare. Non ci troviamo semplicemente davanti a delle stanze: è qualcosa di più. È un luogo di vita e di storie.
Ed è questo che abbiamo potuto fare: contribuire a realizzare questo luogo di vita. Ed è forse la cosa più importante: essere a nostro modo partecipi di questa idea e di questa immagine.

Il “Balzo” del Bricolage del Cuore

Di Mariella Mulè, Assistente Amministratore Delegato Leroy Merlin Italia

Giovedì 7 giugno, con un motivatissimo gruppo di sette colleghi, ci siamo recati presso la Comunità il Balzo a Lachiarella per effettuare il nostro Bricolage del Cuore.
Il Balzo si occupa di bambini e adulti con disabilità attraverso la gestione di due centri socio educativi e due case (micro comunità) in cui vivono persone con disabilità che hanno intrapreso percorsi di vita autonoma. Il nostro piccolo aiuto ha permesso un abbellimento dei locali della Comunità attraverso la sistemazione degli spazi pubblici e la decorazione della struttura. Una bellissima esperienza che ci ha permesso di avvicinarci in punta di piedi a una realtà del nostro territorio.
Graditissimo il messaggio di Valentina, una delle Responsabili del Balzo:

“Questa sera sono stanca ma felice: grazie per il vostro lavoro e per essere stati così spassionati, appassionati, gentili e sorridenti!”

Una casa per una piena autonomia

Il CAM ha ideato un progetto di alloggio temporaneo per giovani lavoratori che hanno terminato l’esperienza di ospitalità in famiglia  (Bed & Breakfast Protetto), in comunità d’accoglienza o in affido, ma che incontrano difficoltà a realizzare l’obiettivo finale di una piena autonomia.  Si tratta di giovani che non solo si scontrano con le difficili condizioni del  mercato del lavoro dovute alla crisi economica degli ultimi anni ma che, a causa delle loro particolari condizioni di fragilità, necessitano di un ulteriore accompagnamento.

Per questo motivo il CAM ritiene necessario offrire loro un alloggio “semiprotetto” dove i ragazzi, a fronte di un affitto simbolico e della copertura delle spese correnti (utenze acqua, gas, luce) e sotto la supervisione di un educatore e della équipe multidisciplinare (psicologa, assistente sociale, mediatrice e volontaria), possono sperimentare, per un periodo massimo di due anni, la gestione di una casa in tutti i suoi aspetti: convivenza con i coetanei, organizzazione, pulizia, gestione entrate e uscite, consolidando nel frattempo la loro situazione lavorativa e creando un risparmio per far fronte successivamente all’affitto di una casa a prezzi di mercato.

Il CAM è stato aiutato nella realizzazione di questo progetto da Ferrovie Nord che ha assegnato in comodato d’uso gratuito una stazione ferroviaria dismessa di una zona periferica di Milano. L’edificio, adeguatamente ristrutturato, è stato trasformato in un appartamento abitabile, idoneo per l’ospitalità di 4 ragazzi.

L’intervento dei Volontari Bricolage del Cuore permetterà la sistemazione dell’area esterna e del piano terra che il CAM utilizzerà come sala riunioni e laboratorio.

Curno: Bricolage del Cuore a casa di Giuseppe

Di Sara Spinelli, Leroy Merlin Curno


Spesso ci si sveglia per cominciare una nuova giornata con la noia nel cuore, pensando unicamente a quello che ci manca nella vita, agli impegni quotidiani,mi sono svegliata con questi pensieri martedì mattina… Alle ore 11,00 era già tutto cambiato.

Ho partecipato per la prima volta ad un intervento del Bricolage del Cuore, svolto nella residenza del signor Giuseppe, di 87 anni, in un complesso di case popolari nelle vicinanze del nostro punto vendita.

Il Signor Giuseppe si è occupato della sua casa e delle migliorie fino a quando ha potuto, da giovane infatti era muratore e carpentiere, ora però ha bisogno di aiuto.

L’intervento concordato con il comune consisteva nel cambiare il linoleum delle scale che portano dal piano terra al primo piano, dopo una verifica delle condizioni abbiamo capito che era sufficiente fare una pulizia approfondita, così ci siamo rivolti all’impresa di pulizie che presta servizio nel nostro punto vendita. Cristian dimostra grande professionalità e precisione, dopo aver pulito la scala con prodotti e macchinari professionali mi fa salire e scendere più volte, per verificare che tutto sia in ordine e non si rischi di scivolare.

Il signor Giuseppe stupisce per la sua lucidità e la dolcezza che dimostra verso i suoi 3 animali, di cui continua a prendersi cura nonostante lui stesso non sia autosufficiente.

Il gatto Jerry e il cane Calimero sono subito socievoli, ma ci racconta di avere anche una gatta, che si tiene  distanza da tutti, ad eccezione del Sig. Giuseppe, che difende con le unghie e con i denti.

Ci parla dei suoi 4 figli e dei nipoti che ha cresciuto, di tutti gli animali di cui si è preso cura nel corso della sua lunga vita e raccontando si commuove, e noi con lui.

Sembrano in simbiosi quest’uomo e il suo cane, tanti i problemi fisici e le disabilità motorie, ma lo sguardo è rimasto da fanciulli, la positività e la gentilezza  dimostrate, il bisogno di comunicare con il prossimo, il bisogno di affetto, di una carezza.

Perché in fondo il Bricolage del Cuore è anche questo, non solo aiuto materiale, ma voglia di appartenere ad una comunità, voglia di sostenerla.

Promettiamo al Signor Giuseppe di tornare per sostituire lo stipite della porta del bagno, ma è tutta una scusa per incontrarlo di nuovo e avere di nuovo la possibilità di cambiarci la vita a vicenda.