Una casa per una piena autonomia

Il CAM ha ideato un progetto di alloggio temporaneo per giovani lavoratori che hanno terminato l’esperienza di ospitalità in famiglia  (Bed & Breakfast Protetto), in comunità d’accoglienza o in affido, ma che incontrano difficoltà a realizzare l’obiettivo finale di una piena autonomia.  Si tratta di giovani che non solo si scontrano con le difficili condizioni del  mercato del lavoro dovute alla crisi economica degli ultimi anni ma che, a causa delle loro particolari condizioni di fragilità, necessitano di un ulteriore accompagnamento.

Per questo motivo il CAM ritiene necessario offrire loro un alloggio “semiprotetto” dove i ragazzi, a fronte di un affitto simbolico e della copertura delle spese correnti (utenze acqua, gas, luce) e sotto la supervisione di un educatore e della équipe multidisciplinare (psicologa, assistente sociale, mediatrice e volontaria), possono sperimentare, per un periodo massimo di due anni, la gestione di una casa in tutti i suoi aspetti: convivenza con i coetanei, organizzazione, pulizia, gestione entrate e uscite, consolidando nel frattempo la loro situazione lavorativa e creando un risparmio per far fronte successivamente all’affitto di una casa a prezzi di mercato.

Il CAM è stato aiutato nella realizzazione di questo progetto da Ferrovie Nord che ha assegnato in comodato d’uso gratuito una stazione ferroviaria dismessa di una zona periferica di Milano. L’edificio, adeguatamente ristrutturato, è stato trasformato in un appartamento abitabile, idoneo per l’ospitalità di 4 ragazzi.

L’intervento dei Volontari Bricolage del Cuore permetterà la sistemazione dell’area esterna e del piano terra che il CAM utilizzerà come sala riunioni e laboratorio.

Curno: Bricolage del Cuore a casa di Giuseppe

Di Sara Spinelli, Leroy Merlin Curno


Spesso ci si sveglia per cominciare una nuova giornata con la noia nel cuore, pensando unicamente a quello che ci manca nella vita, agli impegni quotidiani,mi sono svegliata con questi pensieri martedì mattina… Alle ore 11,00 era già tutto cambiato.

Ho partecipato per la prima volta ad un intervento del Bricolage del Cuore, svolto nella residenza del signor Giuseppe, di 87 anni, in un complesso di case popolari nelle vicinanze del nostro punto vendita.

Il Signor Giuseppe si è occupato della sua casa e delle migliorie fino a quando ha potuto, da giovane infatti era muratore e carpentiere, ora però ha bisogno di aiuto.

L’intervento concordato con il comune consisteva nel cambiare il linoleum delle scale che portano dal piano terra al primo piano, dopo una verifica delle condizioni abbiamo capito che era sufficiente fare una pulizia approfondita, così ci siamo rivolti all’impresa di pulizie che presta servizio nel nostro punto vendita. Cristian dimostra grande professionalità e precisione, dopo aver pulito la scala con prodotti e macchinari professionali mi fa salire e scendere più volte, per verificare che tutto sia in ordine e non si rischi di scivolare.

Il signor Giuseppe stupisce per la sua lucidità e la dolcezza che dimostra verso i suoi 3 animali, di cui continua a prendersi cura nonostante lui stesso non sia autosufficiente.

Il gatto Jerry e il cane Calimero sono subito socievoli, ma ci racconta di avere anche una gatta, che si tiene  distanza da tutti, ad eccezione del Sig. Giuseppe, che difende con le unghie e con i denti.

Ci parla dei suoi 4 figli e dei nipoti che ha cresciuto, di tutti gli animali di cui si è preso cura nel corso della sua lunga vita e raccontando si commuove, e noi con lui.

Sembrano in simbiosi quest’uomo e il suo cane, tanti i problemi fisici e le disabilità motorie, ma lo sguardo è rimasto da fanciulli, la positività e la gentilezza  dimostrate, il bisogno di comunicare con il prossimo, il bisogno di affetto, di una carezza.

Perché in fondo il Bricolage del Cuore è anche questo, non solo aiuto materiale, ma voglia di appartenere ad una comunità, voglia di sostenerla.

Promettiamo al Signor Giuseppe di tornare per sostituire lo stipite della porta del bagno, ma è tutta una scusa per incontrarlo di nuovo e avere di nuovo la possibilità di cambiarci la vita a vicenda.